Elena Giuseppe, View of Piazza della Vetra in Milan
AH01511AFC.jpg
Keywords
connected artists

1,833; oil on canvas
cm. 75 x 100
Signed and dated bottom centre: "Elena / 1833"
Inventory: AH01511AFC
Provenance: 1985, Milan, Finarte
Exibition: 1833, Milano, n. 56 A; 1998-1999, Monza, n. 47; 2007, Lugano, n. 77; 2010, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, Rezipe i rimm del Porta. La letteratura in dialetto milanese dal Rajberti al Tessa e oltre, 15 aprile-10 giugno 2010 (senza catalogo), s. n.; 2014-2015, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, A 250 anni dalla prima edizione di Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria (senza catalogo) , s.n.

The work shown at the 1833 Esposizione di Belle Arti di Brera is a rare example of Giuseppe Elena’s pictorial output. In fact, the fame of this artist, art critic and lithographer derives mainly from his intense activity as an engraver, specialised in perspective views and the reproduction of the most famous works by the major artists of the period from Pelagio Palagi to Giovanni Migliara and Francesco Hayez.

Piazza della Vetra that takes its name from the waters of the canal known as Vepra, which come directly from the River Olona, was formerly used as the square where the executions of the condemned from the lower classes took place, and it was only in 1814 that it became Piazza delle Erbe or the marketplace. This perspective view, dominated by the apse of the architectural complex of the ancient church of San Lorenzo, is enlivened by various scenes from everyday life, following the model of “urban painting” then in vogue and established by Giovanni Migliara. The stalls are set up around the canal, now earthed in, and surrounded by middle-class and working-class people and soldiers, while a procession of the faithful is crossing the little bridge and moving towards the dilapidated wooden houses on the extreme right of the scene. The compositional structure, with the vanishing point slightly off centre at the far end of the square, invites the viewer’s gaze to travel through the small crowd of figures, between the walls and the canal, and enter the neighbourhoods of Milan with their typical narrow streets that can be seen in the distance.

 

The artist made an engraving of this painting in 1838 for the text by Cesare Cantù entitled, Lombardia pittoresca o Disegni di ciò che la Lombardia chiude di più interessante per le arti, la storia, la natura, levati dal vero da Giuseppe Elena, accentuating the topographical aspect of the view and giving less importance to the scenes. The decision to focus on the architecture – to meet the demands of the book which describes some of the most typical places in Lombardy – was to become a constant feature of Giuseppe Elena’s artistic production and critical thought in the 1840s, unlike Angelo Inganni’s oeuvre, which was characterised by urban views full of scenes of contemporary life in a rich anecdotal vein.

From November 2011, the work has been on view at the Gallerie d’Italia in Milan.

 

Sources:Archivio Storico Intesa Sanpaolo, Patrimonio Cariplo, Opere d'arte. Atti d'acquisto ex Cariplo. Fald. 2/3, pratica no. 879 R/696

Bibliography

Le Glorie delle Belle Arti esposte nel palazzo di Brera l’anno 1833, Vallardi, Milano, 1833, p. 125;
Defendente Sacchi, Le Belle Arti in Milano nell’anno 1833. Pittura urbana e paesaggi ad olio e all’acquerello, in “Il Nuovo Ricoglitore”, a. VIII, n. 105, Milano, settembre 1833, p. 617;
Francesco Ambrosoli, Esposizione di Belle Arti in Brera. Paesaggi e pitture di prospettiva, in “L’Eco. Giornale di scienze, lettere, arti, commercio e teatri”, a. VI, n. 117, Milano, 30 settembre 1833, p. 466;
Esposizione di Belle Arti nell’I.R. Palazzo di Brera in Milano, Patuzzi e Lombardi, Milano, 1883, n. 56 A, p. 25;
Paolo Arrigoni, Il pittore litografo Giuseppe Elena, in “Raccolta delle stampe A. Bertarelli, Raccolte di arte applicata, Museo degli strumenti musicali. Rassegna di studi e di notizie”, v. 2, a. 1, Comune di Milano, Milano, 1974, p. 154;
Arte all’incanto, Longanesi & C, Milano, 1986, ill. p. 128;
Dipinti del XIX secolo, Asta 532, Finarte, Milano, 1995, n. 77, p. 44 (come La chiesa di San Lorenzo a Milano);
Tesori d'arte delle banche lombarde, Associazione Bancaria Italiana, Milano, 1995, p. 250, ill. n. 473 (come La chiesa di San Lorenzo a Milano);
Giuseppe Fusari, La chiesa di San Lorenzo a Milano, in Carlo Pirovano, Luci e colori del vero. Genti e Paesi nella pittura veneta e lombarda,, catalogo della mostra, Monza, Serrone della Villa Reale, 20 novembre 1998 - 24 giugno 1999, Electa, Milano, 1998, n. 47, p. 110, ill.;
Paola Zatti, Giuseppe Elena. La piazza della Vetra in Milano, in Sergio Rebora, a cura di, Le collezioni d’arte. L’Ottocento, Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Milano, 1999, n. 74, pp. 151-152, ill.;
Sergio Rebora, L’immagine di Milano nella pittura dell’Ottocento. La pinacoteca della Fondazione Cariplo, in “Ca’ de Sass”, n. 149-150, Cariplo, Milano, aprile-agosto 2001, p. 48, ill.;
Carlo Agliati, a cura di, Stefano Franscini (1798-1857). Le vie alla modernità, catalogo della mostra, Lugano, Museo Civico di Belle Arti di Villa Ciani, 24 maggio – 21 ottobre 2007, Edizione dello Stato del Cantone Ticino, Lugano, 2007, n. 77, p. 337;
Paola Segramora Rivolta, in Fernando Mazzocca, a cura di, Da Canova a Boccioni. Le collezioni della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, Skira, Milano, 2011, n. VI.87, p. 211, ill.;
Marco Bona Castellotti, Breve itinerario tra le opere d'arte della Cariplo, in "La Ca' de Sass", numero speciale, Cariplo, Milano, s.d., p. 24, tav. 15, p 19.

Elena Lissoni
 
Credits © Copyright 2009 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati.
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA