Induno Gerolamo, The Lady Painter
FCIP 0060.jpg
Keywords
works associated
connected artists

1,871; oil on canvas
cm. 51 x 43,3
Signed and dated on the right towards the centre: “Ger.mo Induno/ 1871”, on the back, paper label: “Proprietà dei Sig.ri/ Turati F.lli Conti Emilio/ e Vittorio/ Ricevuta n. 134”
Inventory: FCIP 0060
Provenance: Milan, Ercole Turati Collection (until 1881); Milan, Emilio and Vittorio Turati Collection (in 1891); Milan, Emilio Turati Collection (in 1945). Sotheby’s, Florence, 27 May 1985
Exibition: 1872, Milano, n. 691; 1891, Milano, Palazzo della Permanente, n. 285; 1933, Milano, Castello Sforzesco, n. 149

The Lady Painter was shown at the 2nd Esposizione Nazionale di Belle Arti di Brera in 1872 alongside another work in the Cariplo Collection, namely He Loves Me, He Loves Me Not? by Francesco Valaperta. Both were bought by Count Ercole for the Turati Collection, where they complemented one another perfectly. A member of one of the most important families in Lombardy’s entrepreneurial upper class and a patron of the arts like his father Francesco, Ercole Turati (1829–1881) was akin to other collectors in his particular liking for genre painting in period costume and probably juxtaposed Valaperta’s lady in medieval dress with this 18th-century female painter from the very outset.

The iconography of the dilettante lady artist derived from the oeuvre of the French painter Ernest Meissonier and spread in Italy through the works of artists like Eleuterio Pagliano and Mosè Bianchi as well as Induno himself. These painters drew inspiration, however, not only from the decorative taste for scenes in period costume, but also from the numerous women artists with whom they were directly acquainted through their contacts with the aristocratic and middle-class society of the time. These ladies, who saw painting as a pleasant pastime as well as a sign of emancipation, included the writer Cesare Beccaria’s nieces Rachele and Antonietta. While Gerolamo Induno’s Lady Painter probably owes something also to his brother Domenico Induno’s Young Painter in Her Studio (1870, private collection), the focus is less on the setting and more on the female figure, whose clothes and hair are depicted with deft accomplishment and a sophisticated handling of colour.

From November 2011, the work has been on view at the Gallerie d’Italia in Milan.

 

Sources:Archivio Storico Intesa Sanpaolo, Patrimonio Cariplo, Opere d’arte. Atti d’acquisto ex Cariplo. Fald. 2/3, pratica no. 879 R/673

Bibliography

Seconda Esposizione Nazionale di Belle Arti diretta da un comitato eletto dalla regia Accademia di Brera, Società Cooperativa fra i Tipografi, Milano, 1872, n. 691, p. 72;
Sguardo all’Esposizione d’arte moderna, in “Il Secolo. Giornale politico quotidiano”, a. VII, n. 2288, Milano, 6 settembre 1872, p. 2;
Appio D'Ara, Scorsa all'Esposizione VII, in "Il Sole", a. IX, n. 210, Milano, 7 settembre 1872, p. 2;
Filippo Filippi, Esposizione Nazionale di Belle Arti XI. Pittori milanesi, in "La Lombardia", a. XIV, n. 254, Milano, 14 settembre 1872, p. 1;
Esposizione postuma dei fratelli Domenico e Gerolamo Induno. Marzo 1891. Catalogo Ufficiale, catalogo della mostra, Milano, Palazzo della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, marzo 1891, Tipografia Lombardi, Milano, 1891, n. 285, p. 17;
Catalogo della mostra retrospettiva dei pittori Domenico e Gerolamo Induno ordinata nel Castello Sforzesco di Milano dalla Galleria dell'Arte e dell'Esame, testo di Enrico Somarè, catalogo della mostra, Milano, Castello Sforzesco, maggio – giugno 1933, Edizioni dell'Esame, Milano, 1933, n. 149, s.p.;
Dipinti di Domenico e Gerolamo Induno ordinati in mostra retrospettiva dalla Galleria dell'Arte e dell'Esame nel Castello Sforzesco di Milano, prefazione di Giorgio Nicodemi, presentazione di Enrico Somarè, Edizioni dell'Esame, Milano, 1933, n. 145, s.p., ill. n. XXIX, s.p.;
Giorgio Nicodemi, Domenico e Gerolamo Induno, Editore G. G. Görlich, Milano, 1945, ill. n. 224, s.p.;
Disegni, dipinti antichi e del sec. XIX, maiolica e porcellana, argenti, oggetti preziosi e gioielli, Sotheby's, Firenze, 1985, n. 597, s.p., ill.;
Giovanna Ginex - Sergio Rebora, a cura di, Imprenditori & cultura. Raccolte d’arte in Lombardia. 1829-1926, Mediocredito Lombardo. Gruppo Intesa, Milano, 1999, p. 65, ill.;
Sergio Rebora, Gerolamo Induno, La pittrice, in Sergio Rebora, a cura di, Le collezioni d’arte. L’Ottocento, Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Milano, 1999, n. 137, pp. 229-231, ill. p. 228;
Elena Lissoni, in Fernando Mazzocca, a cura di, Da Canova a Boccioni. Le collezioni della Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, Skira, Milano, 2011, n. VIII.112, pp. 221-222, ill.

Laura Casone
 
Credits © Copyright 2009 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati.
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA