Manzù Giacomo, Il risparmio familiare; La Famiglia nel Risparmio; La famiglia unita nella pace, nell’amore, nel lavoro e nel risparmio
BI00072AFC.jpg

1.970; bronzo
cm. 265 x 789 x 20

Inventario: BI00072AFC
Provenienza: Commissionato all'artista (1970)

Il monumentale rilievo in bronzo è stato realizzato per il Salone dell’Economia Lombarda della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde tra il gennaio e l’ottobre del 1970; rappresenta l’uomo nelle sue diverse età in rapporto alla sussistenza materiale. Quattro scene sono collocate su uno sfondo descritto attraverso un refolo d’aria: una madre che gioca con il suo bambino, un giovane che si libera della veste facendola volare accanto una colomba, una donna velata che raccoglie da terra il salvadanaio e un padre che si riposa appoggiato alla vanga. La composizione suggerisce una concezione della società basata sulla famiglia e sulla coltivazione della terra.
In quest’opera lo scultore rielabora l’iconografia della lunetta della Pace della Porta del­la Guerra e della Pace della Chiesa di San Lorenzo a Rotterdam (1964-1968). Di questo lavoro esistono un Bozzetto per la porta di Rotterdam, 1965, conservato presso la Raccolta Manzù di Ardea e La famiglia (Bozzetto per la pace), 1968, ora in collezione privata, che rappresentano le prime formulazioni del soggetto ripreso nel rilievo milanese. Nel corso degli anni Settanta, lo stesso tema fu riutilizzato per medaglie, disegni e sculture conservate sempre dalla Raccolta Manzù, tra cui La pace, 1976.
Il modellato affonda le ra­dici non solo nella tecnica dello stiacciato della scultura rinascimentale, ma anche nella più recente tradizione lombarda e francese. Nel 1936, nel periodo in cui era vicino al movimento di “Corrente”, Giacomo Manzù aveva compiuto un viaggio a Parigi, dove aveva avuto modo di vedere le opere di Aristide Maillol e di Auguste Rodin. Durante e dopo la Seconda guerra mondiale Manzù si era dedicato a soggetti sacri che testimoniavano la sua tormentata religiosità. In questa produzione, fu centrale la vicenda della realizzazione della bronzea Porta della Morte per la Basilica di San Pietro in Vaticano (1947-1964).

Fonti:Archivio Storico Intesa Sanpaolo, Patrimonio Cariplo, verbali C.E. – BO 170, seduta del 15 maggio 1970, delibera n. 71644 R.; Archivio Cariplo, Atti 879 R433, 1 gennaio 1970 (documento non reperito).

Bibliografia

Mario De Micheli, Giacomo Manzù, Fabbri Editori, Milano, 1971, pp. 26, 51, 166-170;
Cesare Brandi – J. G. Ebbinge Wubben – Franz Fuhrmann, Bilda Heynold von Grafe, a cura di, Manzù, Le porte: Roma, Salisburgo, Rotterdam, Silvana Editoriale, Milano, 1989, p. 183, Note biografiche (La famiglia unita nella pace, nell'amore, nel lavoro e nel risparmio);
Rosanna Bossaglia, a cura di, Manzù. Mostra antologica, catalogo della mostra, Milano, Palazzo Reale, Arengario, Museo del Duomo, 17 dicembre 1988 – 26 febbraio 1989, s. e. , s.l. , 1989, p. 214;
Tesori d'arte delle banche lombarde, Associazione Bancaria Italiana, Milano, 1995, p. 532, ill. n. 869;
Sara Fontana, Giacomo Manzù, Il risparmio familiare o La Famiglia nel Risparmio, in Sergio Rebora, a cura di, Le Collezioni d'arte, Il Novecento, Fondazione Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Milano, 2000, n. 211, pp. 209-211, ill.

Antonella Crippa
 
Crediti © Copyright 2009 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati.
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA