opere in mostra

Opere in mostra

 

Ottone Rosai - Paesaggio

Ottone Rosai   Paesaggio
Ottone Rosai Paesaggio

OTTONE ROSAI

(Firenze, 1895 - Ivrea, Torino, 1957)
 

Paesaggio, 1949
olio su tela, 70,3 x 50 cm fi rmato in basso a destra: “O. ROSAI” Milano, Collezione Fondazione Cariplo, inv. AI00190AFC
Esposizioni: 1949, Milano, II primaverile nazionale d’arte, sala V, n. 5.
Bibliografia: II primaverile nazionale d’arte 1949, p. 31, n. 5, tav. 44; L. Lecci, in Le collezioni d’arte. Il Novecento 2000, pp. 273- 274 ill., n. 296.

Il dipinto è stato acquistato nel 1949 all’esposizione promossa dall’Associazione artisti d’Italia, cui Rosai partecipava con altre due opere (Paesaggio e Composizione). Dopo il primo confl itto mondiale il pittore si era dedicato all’esecuzione di paesaggi rurali e vedute della provincia toscana, tra i quali Paesaggio in Collezione Fondazione Cariplo, rinsaldando l’amicizia con Ardengo Soffi ci, che aveva conosciuto nel 1913. Questo ricco repertorio di immagini è affrontato adottando composizioni semplici ed essenziali, percorse da una luce diffusa, che risentono della lezione di Paul Cézanne e dello studio dei pittori toscani del Tre e del Quattrocento. Le architetture e le strade, popolate da fi gurette elementari, ricordano sia gli spazi metafi sici di Giorgio de Chirico, sia le periferie silenziose di Mario Sironi e Carlo Carrà, e, tuttavia, se ne distinguono per l’atmosfera trasognata e incantata che evoca un mondo antico e senza tempo. L’opera in Collezione appartiene alla fase tarda dell’attività dell’artista, contraddistinta da un’estrema sintesi geometrica delle forme e da una pittura magra e spoglia, stemperata in una luminosità chiara, come Paesaggio con casotto (Piacenza, Galleria Ricci Oddi), Veduta di una strada che con muro e cancellata (Brescia, Musei Civici d’Arte e Storia, Santa Giulia - Museo della Città) e la successiva Via S. Leonardo (1952, Prato, Galleria Farsetti). Dal confronto con i dipinti degli anni venti emerge qui una nuova interpretazione del paesaggio, che assume una connotazione favolosa, sospeso tra cielo e terra, al limite dell’astrazione.

Elena Lissoni

© Copyright 2017 by Fondazione Cariplo. Tutti i diritti riservati
Esclusivamente i contenuti della collezione online di artgate-cariplo.it sono disponibili secondo una licenza CC BY-SA